Melanzana dal cuore di pane, ossia le mie Melanzane ripiene vegan

Sembra il titolo di un racconto per bambini ma in realtà l’avventura è culinaria. Questo articolo condivide il mio modo di fare le melanzane ripiene (chiaramente vegan come tutte le mie ricette) e… spero vi sarà di gradimento!

 

Cosa serve:

  • Melanzane (con una melanzana intera vengono due barchette)
  • aglio (io ne metto uno per ogni melanzana)
  • prezzemolo
  • pane raffermo (con circa mezzo chilo dovreste riuscire a fare circa tre melanzane medie)
  • sale, olio e pepe q.b.
  • pangrattato

Cosa fare:

Innanzitutto mettere a bagno il pane raffermo così potrà ammorbidirsi prima di essere sbriciolato.

Sciacquare le melanzane, togliere testa e coda e poi dividerle in due. Con l’ausilio di un cucchiaio si scava l’interno.

 

Se risulta difficoltoso far affondare il cucchiaio ci si può aiutare con un coltello per intaccare il punto facendo attenzione a non bucare la “barchetta”. Capire dove scavare è facile, si inizia nel punto in cui l’interno è più morbido.

 

 

 

Una volta tolta la parte interna della melanzana, questa va tritata (meglio se non troppo finemente altrimenti diventerà un pappone quando verrà lavorata col pane). Si trita anche l’aglio e si mette tutto in una terrina.

A questo punto si lavora il pane, che sarà gonfio d’acqua e morbido: un po’ alla volta si strizza dall’acqua in eccesso e si sbriciola nella terrina dove già riposa il resto del composto (cuore di melanzana e aglio tritati). Si aggiungono un po’ di sale, olio, prezzemolo e pepe e si amalgama il tutto con le mani fino ad ottenere un impasto omogeneo e compatto.

Siamo giunti alla fase finale, la farcitura. Con un cucchiaio si prende un po’ d’impasto alla volta e si riempie il vuoto nella barchetta di melanzana (quella che avete svuotato all’inizio). Si compatta la superficie, si da una spolverata di pangrattato. Un filo d’olio e si è pronti per il forno.

Nel mio forno sono pronte in circa 40/50 minuti a 230°, il tempo varia anche in base alla grandezza della melanzana e alla quantità di ripieno.

Consigli:

Il pangrattato mettetelo alla fine, dopo che avrete riempito tutte le barchette, in questo modo se avete riempito troppo le prime e vi rimane una barchetta con poco ripieno potete sempre toglierne un po’ dalle precedenti e completare i ripieni.

Se non è bastato il ripieno e non volete toglierlo dalle precedenti barchette non preoccupatevi, la melanzanotta avanzata sarà buonissima se la farete in padella tipo melanzana a funghetto.

Se, per ultimo, vi dovesse avanzare l’impasto Dont’worry! Non c’è bisogno di riempire fino al cielo una povera barchetta, basterà fare con l’impasto avanzato delle polpettine che poi potranno essere (previo ripassata nel pangrattato) cotte al forno con un filo d’olio.

Ed infine, se siete appassionati di ripieni, vi rimando al mio articolo sui Carciofi Ripieni.

Un saluto a tutt*.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code