Limone: una cura vegan multifunzionale.

Il limone è quell’agrume che considero “l’agrume per eccellenza” dal momento che si presta a mille usi: culinari, curativi e igienici (sia per la persona che per la casa). In questo articolo parlerò principalmente delle sue proprietà e dei suoi aspetti curativi e preventivi mentre nel prossimo v’illustrerò altri utilizzi un po’ più “domestici” e legati alla cura della casa e della persona.

La meravigliosa pianta del limone, tipica del clima mediterraneo, è una sempreverde in tutti i sensi, il limone non va mai in pensione. Possiede la peculiare caratteristica di una continua fioritura e la produzione di limoni è protratta durante tutto l’anno (anche se con qualche rallentamento durante i periodi invernali). Quindi possiamo trovare sulla stessa pianta anche una combinazione di fiori, frutti maturi e frutti acerbi nello stesso momento. Proprio per questa sua unicità, per la sua proprietà di produrre frutti durante tutto l’anno, il limone è considerato simbolo di fedeltà amorosa.

Il limone, come frutto, può maturare anche una volta staccato dal suo ramo. Questa è la ragione per la quale spesso i limoni vengono colti ancora verdi, trattati con prodotti fungicidi, incerati e poi trattati ancora per farli maturare. Questo spiega perché è consigliato evitare di consumarne la buccia, a meno che non siate certi della loro provenienza.

Il limone è ricco di vitamine (A, B1, B2, B3, B5 e B6, E, C e J). Per ogni 100g di limone si ha un apporto di circa 38 mg di vitamina C e 29 calorie. Contiene diversi sali minerali: calcio, fosforo, sodio, potassio, ferro, rame, magnesio, zinco e manganese quindi è altamente remineralizzante e irrobustisce le difese immunitarie.

Per quanto concerne la presenza di Vitamina C, le sue proprietà:

  • Antiossidanti (come il beta-carotene e flavonoidi) e depurative. Se assunto al mattino e con regolarità, aiuta l’intestino e drena la cellulite. Blocca i radicali liberi rallentando l’invecchiamento cellulare e allevia i problemi respiratori come l’asma.
  • Antitumorale. La presenza di vitamina C e di una sostanza chiamata limonene, con una regolare assunzione, pare che preservino da tumori, malattie cardiache e ictus (contrastano e distruggono anche i batteri di alcune malattie come malaria, scorbuto, colera e tifo).
  • Disinfettante e anti anemico. Il succo di limone previene malattie come l’arteriosclerosi. Favorisce la fluidità del sangue facilitando la formazione di globuli rossi (che trasportano ossigeno) e aiuta l’assorbimento del ferro.

Per quanto riguarda la presenza di limonene (che addirittura può essere considerato un biocarburante ed è utilizzato come tale nei modellini), questa sostanza è:

  • Aiuta a contrastare diarrea e nausea.
  • Coagulante e cicatrizzante. Grazie alla vitamina B3 rinforza i vasi sanguigni prevenendo eventuali emorragie interne. Il limonene, invece, con le sue proprietà coagulanti, blocca le piccole emorragie interne. Ad esempio, per il sanguinamento del naso è sufficiente un po’ di cotone imbevuto di succo di limone e inserito nel naso per far cessare il sanguinamento. Per bloccare il sanguinamento delle gengive basta massaggiarle con un po’ di succo. Funziona bene anche da disinfettante eliminando inoltre i cattivi odori della bocca.
  • Favorisce lo scioglimento di calcoli biliari, renali e della cistifellea ed ha, in generale, effetti benefici sul fegato e sul pancreas. Blocca la produzione di colesterolo cattivo e stimola la produzione di bile e succhi gastrici con benefici per la digestione.
  • Antisettico naturale. Il succo ha effetti benefici anche sulla pelle. Rimuove i punti neri, rende la pelle più liscia e ci aiuta in caso di punture d’insetti, acne e foruncoli.

    pianta di limone
    Fonte immagine: http://www.sologiardino.it/posts/446/come-coltivare-le-piante-di-limone

 

Da questo frutto se ne ricava un ottimo liquore (limoncello) mentre il suo olio essenziale viene impiegato per favorire la concentrazione e la memoria. Un sacchetto di tela contenente delle scorze secche di limone, se appeso negli armadi o riposto nei cassetti, dovrebbe tener lontane le tarme.

 

Il consiglio vegan con cui vorrei chiudere questo articolo e darvi appuntamento al prossimo post sugli utilizzi domestici del limone è quello di:

bere un bicchiere di acqua tiepida da circa 200/250 ml con mezzo limone spremuto, tutte le mattine a stomaco vuoto ed aspettare almeno una mezz’ora prima di fare colazione o ingerire qualunque altra cosa.

Dico acqua tiepida perché la Vitamina C evapora al contatto con l’acqua troppo calda ed in generale si disperde al massimo dopo cinque minuti dalla spremitura. Quindi dovete bere subito e se l’acqua è bollente perderete subito i suoi effetti perché:

  • evapora e
  • dovendo aspettare che si raffreddi, perderete anche quel poco che ne sarebbe rimasto!

Provar non costa nulla. Vi sorprenderete dei risultati. Naturalmente non è la panacea di tutti i mali però aiuta molto!

Congedo questo articolo con gli ultimi versi della lirica di Eugenio Montale “I limoni“, tratta dalla raccolta di poesie “Ossi di seppia“, raccolta pubblicata per la prima volta nel 1925.

[…]

Ma l’illusione manca e ci riporta il tempo
nelle città rumorose dove l’azzurro si mostra
soltanto a pezzi, in alto, tra le cimase.
La pioggia stanca la terra, di poi; s’affolta
il tedio dell’inverno sulle case,
la luce si fa avara – amara l’anima.
Quando un giorno da un malchiuso portone
tra gli alberi di una corte
ci si mostrano i gialli dei limoni;
e il gelo dei cuore si sfa,
e in petto ci scrosciano
le loro canzoni
le trombe d’oro della solarità.

 

Fonte immagine in copertina: http://restaurars.altervista.org/il-limone-nellarte-simbolo-di-salvezza-e-di-fedelta-damore/ Il quadro è un dipinto del 1524, Scena Mitologica ad opera di Dosso Dossi

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code